lunedì 10 maggio 2010

Cosa succede?



Penso che i pochi e fedeli lettori del blog si sono posti spesso questa domande in queste ultime settimane!

Non oso quasi controllare la data del mio ultimo messaggio...So che sono passate almeno due settimane. Non c'è nessun segreto e nessun mistero. Dopo il viaggio a Badengayido sono entrato in un periodo di "turbolenze": malaria, febbre, tosse, mal di gola...e soprattutto tanta stanchezza. Avrei dovuto fermarmi ma era difficile: nel nostro Istituto c'era la prima parte delle prove degli Esami di Maturità, la corsa affannosa per riparare i tetti delle due scuole elementari, e da qualche giorno anche gli Esami (Jury) delle scuole professionali.



A volte basta un nulla per bloccare l'ingranaggio e portare una certa ansia. Ci mancava un cuscinetto (62308: l'ho imparato a memoria!) per rimettere in sesto la piallatrice. Dovevamo piallare i travetti, le tavole (planches de rive) prima di inchiodare le nuove lamiere ondulate. L'abbiamo cercato a Kisangani, a Beni, Butembo...In ultimo siamo ricorsi al nostro amico-benefattore: Ducarme! E' stato veramente la fine di un incubo la notizia che ce l'aveva e che ce lo poteva dare. C'era in tutti noi un certo nervosismo perché gli alunni e i maestri vivevano giorni di disagio a causa delle continue e abbondanti piogge
Adesso i falegnami sono all'opera. Hanno già riparato la scuola elementare Binase e domani termineranno anche la scuola Tuendelee.
Nel frattempo continuiamo i lavori a Badengayido...Vi farà piacere vedere i progressi anche se la foto non dice tutto.

Non mi dilungo... Non sono ancora uscito completamente dalla "nuvola" del vulcano islandese. Speriamo che non riprendano le eruzioni! Volevo solo darvi un segno di vita e da parte mia reagire per non rendere cronica questa situazione e...ricominciare. Lo dico spesso ai miei ragazzi "Age contra!: reagisci"! Devo dare l'esempio.

State tranquilli: mi sentirete ancora.


Foto: -alunni in attesa della prima parte degli Esami di Stato (201 alunni di Mambasa e intorni!)
- Inizio dei lavori di riparazione del tetto delle scuola elementare Tuendelee
- Badengayido (9 maggio!)

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Quale esempio; ..sei sempre in prima linea , . Devi pensare un po' alla tua salute. Noi ti vogliamo in forma , perche' ti vogliamo BENE.Silvano, ricordati :aiutati che il ciel t'aiuta.Non aggiungo altro perche' soffro, non sarei positiva; anzi Forse come te sto attraversando un momento negativo. Ti sono vicina piu' che mai, corraggio, Giuliana

Cornelia ha detto...

Grazie! Aspettavamo vostre notizie dopo l’uragano e la “pioggia di pietre”.
E’ rassicurante vedere che tutto sta riprendendo corpo e vita…. la scuola sarà agibile in breve tempo e gli alunni potranno terminare regolarmente il loro anno scolastico.

Nonostante la salute non ti sia favorevole in questo periodo, dimostri un grande coraggio e semini, a piene mani, il grano della speranza....
Questa testimonianza ci sprona a non fermarci davanti alle nostre difficoltà, ma, ogni tanto, ricordati di aver cura anche di te! Saremo tutti più contenti.

Gianluigi ha detto...

La colpa è nostra.
Si, nostra, se P. Silvano scrive: " Penso che i pochi e fedeli lettori del blog si sono posti spesso questa domande in queste ultime settimane!
Non oso quasi controllare la data del mio ultimo messaggio...So che sono passate almeno due settimane. ".
La colpa è nostra perche il "cuscinetto 62308 per la piallatrice" lo deve per forza di cose trovare lui, ma due righe e due foto per la comunità del blog le possiamo preparar tutti. Ancor più chi ha rapporti in corso ed ha viaggiato di recente, diciamo anche negli ultimi due o tre anni! Quante sarebbero le storie da condividere e le esperienze da moltiplicare.
La colpa è nostra!
Ezechiele

Aldo ha detto...

Anche io come gli altri ero molto preoccupato per te P.Silvano. L'assenza di novità nel blog non mi è sfuggita e subito ho immaginato che stessi male.
Sembrerò ripetitivo ma voglio che tu ti prenda cura di te, sei essenziale per molte persone: non lasciare che la tua grande voglia di fare alla fine privi queste persone della tua presenza.
Ogni giorno, pur essendo lontano, penso alla missione e a tutto il bene che dispensa: ti sono vicino con il cuore.
Con Amore saluti
Aldo.

Anonimo ha detto...

Ti ho sentito al telefono con la voce che indicava bronchite.. so che lamalaria di Mambasa provoca problemi alle vie respiratorie e tantastanchezza e tante altre noie. So anche che tu sei convinto di non poter prendere riposo. Io mi unisco a tua sorella Giuliana per chiederti, supplicarti di staccare la spina per qualche giorno. Il Signore fa anche senza di noi. Riposati!!!! Ciao Nerio

Anonimo ha detto...

cari amici del blog.
io sono uno degli assidui lettori delle ultime notizie fresche dal Congo.
Ammetto che è molto piu' comodo per tutti leggere che non scrivere anche solo qualche riga sul blog.
In fondo il blog ci fa sentire tutti piu' vicini aP.Silvano ed al suo apostolato in terra africana.
Anche se non sempre ci incontriamo sul circuito virtuale, sappiamo tutti che siamo sempre vicini a chi si prodiga con tanto amore in prima linea.
Cordialmente
Pierangelo di Inzago

Gianluigi ha detto...

Ezechiele, testardo più che mai, dopo aver letto gli ultimi commenti aggiunge qualcosa.
"Ti siamo vicini", "stacca la spina", etc. leggo più o meno così per invitare P. Silvano a tirare un po' meno la corda. Benissimo, ma inutile essere assidui lettori del blog, incontrarsi su questo "circuito vituale" se poi la presenza la chiediamo sempre e solo a lui. A Padre Sisifo!!!
Io sono qui per pubblicare le vostre notizie (se non volete farlo in prima persona), pubblicandole ad uso di tutti,e sopratutto per Padre Silvano.
Può mai essere che solo lui debba raccontare qualcosa e che noi, tutti noi, anche gente che ha lavorato a Mambasa ed altri che sono stati settimane e mesi da quelle parti non abbiamo nulla da raccontare e tanto meno qualcosa da proporre?

Anonimo ha detto...

Padre Silvano coraggio, noi ti pensiamo,e come piccolo gruppo che si riunisce intorno ad un argome nto che abbiamo intitolato "Passi verso l'anima" abbiamo deciso di mandarti tutto il nostro fondo cassa per il pagamento di dieci onduline ( Lamiere per il tetto). Un abbraccio da tutti con affetto. Vanda

Anonimo ha detto...

tanto per tagliare l'aria!!!
caro Silvano,oggi dopo giorni di euforia,le Borse calano di un 6%,l'euro scende ai minimi storici,stagnano i consumi e non c'è segno di ripresa tangibile.
Sono mesi e mesi che frequento riunioni,convegni e dibattiti,assisto a proclami,a profezie ma....
E poi penso a Voi,ai Vostri problemi e mi assale una angoscia grande,forte:riusciranno i nostri amici nel loro immane lavoro?
Ieri il Papa ha detto delle cose forti,molto forti ma la turbolenza dei mercati di oggi lo ha relegato a "vox clamans in deserto"!
Ma noi siamo convinti,credenti o meno,che tutto quello che state facendo si debba fare,si debba continuare con convinzione ma ad un patto,caro Silvano,che tu comprenda che....la salute (tua)vale il futuro di tutte quelle persone.
Ergo!?
giando

Anonimo ha detto...

Grazie di cuore a tutti voi, penso che Silvano ci senta vicino e spero abbia compreso la nostra preoccupazione. Auguriamo si riprenda presto . Con affetto e riconoscenza Giuliana